Pagina:Leonardo prosatore.djvu/294

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
290


ho conosciuto la tua consumatrice e dannosa natura. Alla quale il lume rispose: così fo io a chi ben non mi sa usare.

Detta per quelli, i quali, veduti dinanzi a sè questi lascivi e mondani piaceri, a similitudine del parpaglione, a quelli corrano, sanza considerare la natura di quelli, i quali, da essi omini, dopo lunga usanza, con loro vergogna e danno, conosciuti sono.