Pagina:Leonardo prosatore.djvu/313

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

309


festuco, se esso non comincia a macerarsi e corrompersi, e questo è quello col quale si deve incoronare e ornare li uffizi funerali.



Appunti per figurazioni allegoriche.

Il Moro1 in figura di Ventura colli capelli e panni e mani innanzi.

E messer Gualtieri2 con riverente atto lo pigli per li panni da basso, venendoli dalla parte dinanzi.

Ancora la Povertà in figura spaventevole corra dirieto a un giovanetto; el Moro lo copra col lembo della vesta e con la verga dorata minacci tale monstro.


Il Moro co’ gli occhiali, e la Invidia, colla falsa Infamia dipinta, e la Giustizia nera pel Moro.


Questa Invidia si figura colle fiche verso il cielo, perchè, se potesse, userebbe le sue forze contro a Dio; fassi colla maschera in volto di bella dimostrazione, fassi ch’ella è ferita nella vista da palma e olivo; fassi ferito l’orecchio di lauro e mirto a significare che vittoria e verità l’offendono; fassile uscire molte folgore, a significare il suo mal dire; fassi magra e secca, perchè è sempre in continuo

  1. Ludovico il Moro.
  2. Il tesoriere del Duca (vedi Appendice sulle Allegorie).