Pagina:Leonardo prosatore.djvu/312

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
308


Cardellino.

Il calderugio dà il tortomalio a’ figlioli ingabbiati. Prima morte che perdere libertà!


Per ben fare.

Per il ramo della noce, che solo è percosso e battuto, quand’e’ ha condotto a perfezione li sua frutti, si dinota quelli, che, mediante il fine delle loro famose opere, son percossi dalla invidia per diversi modi.


Sul medesimo soggetto.

Per lo spino, insiditoli sopra boni frutti, significa quello, che per se non era disposto a virtù, ma mediante l’aiuto del precettore dà di sè utilissime virtù.


Del lino.

Il lino è dedicato a morte e corruzione de’ mortali: a morte pe’ lacciuoli delli uccelli, animali e pesci; a corruzione per le tele line dove s’involgano i morti, che si sotterrano, i quali si corrompono in tali tele. E ancora esso lino non si spicca dal suo