Pagina:Leonardo prosatore.djvu/329

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

325


VII. - LE PROFEZIE DE’ CASI CHE NON POSSONO STARE IN NATURA

Della fossa.

(Dilla in forma di frenesia o farnetico, d’insania di cervello).


Staran molti occupati in esercizio a levar di quella cosa, che tanto cresce, quanto se ne leva.


Del capo posto sul piumaccio.

E a molti corpi nel vedere da lor levar la testa, si vedrà manifestamente crescere, e, rendendo loro la levata testa, immediate diminuiscan lor grandezza.


VIII. - LE PROFEZIE DELLE COSE FILOSOFICHE.

Del desiderio di ricchezza.

Li omini perseguiranno quella cosa della qual più temono, cioè saran miseri, per non venire in miseria.