Pagina:Leonardo prosatore.djvu/332

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
328


Della bugia.

Tutte le cose che nel verno fien nascoste sotto la neve, rimarranno scoperte e palesi nell’estate — detta per la bugia che non può stare occulta.


Lo infinito.

Qual è quella cosa che non si dà, e s’ella si dessi non sarebbe?

Egli è lo infinito, il quale se si potessi dare, e’ sarebbe terminato e finito, perchè ciò che si pò dare ha termine colla cosa che la circuisce ne’ sua stremi, e ciò che non si pò dare è quella cosa che non ha termini.