Pagina:Leonardo prosatore.djvu/338

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
334


Chi voi essere ricco in un dì è impiccato in un anno.


L’uomo ha grande discorso del quale la più parte è vano e falso, li animali l’hanno piccolo ma è utile e vero; e meglio è la piccola certezza che la gran bugia.


Li stremi di tutte le cose danno a essa cosa grazia o disgrazia.


Salvatico è quel che si salva.


Non si debba desiderare lo impossibile.


Dov’è più sentimento lì è più, ne’ martiri, gran martire.


La memoria dei beni fatti, appresso l’ingratitudine, è fragile.


Reprendi l’amico tuo in segreto e laldalo in paleso.


Chi teme i pericoli non perisce per quegli.


Non esser bugiardo del preterito.