Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


II. SOPRA IL MONUMENTO DI DANTE 9

D’aria e d’ingegno e di parlar diverso
per lo toscano suol cercando già
20 l’ospite desioso
dove giaccia colui per lo cui verso
il meonio cantor non è più solo.
Ed, oh vergogna! udia
che non che il cener freddo e Tossa nude
25 giaccian esuli ancora
dopo il funereo di sott’altro suolo,
ma non sorgea dentro a tue mura un sasso,
Firenze, a quello per la cui virtude
tutto il mondo t’onora.
30 Oh voi pietosi, onde si tristo e basso
obbrobrio laverà nostro paese !
Bell’opra hai tolta e di ch’amor ti rende,
schiera prode e cortese,
qualunque petto amor d’Italia accende.
35 Amor d’Italia, o cari,
amor di questa misera vi sproni,
ver cui pietade è morta
in ogni petto ornai, perciò che amari
giorni dopo il seren dato n’ha il cielo.
40 Spirti v’aggiunga e vostra opra coroni
misericordia, o figli,
e duolo e sdegno di cotanto affanno
onde bagna costei le guance e il velo.
Ma voi di quale ornar parola o canto
45 si debbe, a cui non pur cure o consigli,
ma dell’ingegno e della man daranno
i sensi e le virtudi eterno vanto
oprate e mostre nella dolce impresa?
Quali a voi note invio, si che nel core,
50 si che nell’alma accesa
nova favilla indurre abbian valore?

CANTI <