Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/210

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


204 APPENDICE II, 2. Dissueto. [v. 21] Questo forestiere porta una patente di passaggio fatta e sotto- scritta da « Dissuetudine » e autenticata da « Insueto », « Assueto », « Consueto » e altri tali gentiluomini italiani, che la caverà fuori ogni volta che bisogni. Ma non si cura che gli sia fatta buona per entrare nel Vocabolario della Crusca, avendo saputo che un suo parente, col quale s’acconcerebbe a stare, non abita in detto paese. E questo parente si è un cotal « Mansueto » ; non quello che, secondo la Crusca, è « di benigno e piacevole animo», o «che ha mansuetudine », vale a dire è mansueto; in somma non quel «Mansueto» eh’è mansueto, ma un altro, che sotto figura di participio, come sarebbe quella del mio « Dissueto », significa «mansuefatto» o «ammansato», anche di fresco, e si trova in casa del Tasso. «Gli umani ingegni Tu placidi ne rendi, e l’odio interno Sgombri, signor, da’ mansueti cori, Sgombri mille fu¬ rori (0». Questi che opera tanti miracoli, se già non l’hai ricono¬ sciuto, è colui che ’l mondo chiama Amore. Per giunta voglio che sappiano i pedagoghi ch’io poteva dire «disusato» per «dis¬ sueto», colla stessissima significazione; ed era parola accettata nel Vocabolario, oltre che in questo senso riusciva elegante, e di più si veniva a riporre nel verso come da se stessa. A ogni modo volli piuttosto quell’altra. E perché? Questo non tocca ai pedanti di saperlo. Ma in iscambio di ciò, li voglio servire d’un bello esempio della voce «dissuetudine», che lo metteranno in¬ sieme con quello che sta nel Vocabolario; come anche d’un esempio della parola «disusato» posta in quel proprio senso ch’io formo il vocabolo «dissueto». «Mi sveglia dalla dissuetudine e dalla ignoranza di questa pratica». Il qual esempio è del Caro, e si trova nel Comento sopra la Canzone de’ Gigli (2). L’altro esempio è del Casa, e leggesi nel Trattato degli Uffici comuni (3). « Perciocché a lui pareva dovere avvenire ch’essi a poco a poco da quello che di lui pensar solevano, disusati, avrebbero comin¬ ciato a concepire nelle menti loro non so che di maggiore istirna ». Il latino ha « desuefacti ». (1) Amiti., At iv, coro. (2) St. i, v. 13: fra le Lett. di diversi eccellentiss. uomini, Ven. 1554, p. 515. (3) Cap. xi. Op. del Casa, Ven. 1752, t. in, p, 215.