Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/233

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


VARIANTI 227 io. B20, B: e a la stagion 12. B20: Serbano intatti 13. B20: infonde 14. B20: Il Cielo e’l fato, Italo illustre? e quale 15. B20: Tanto avvivar fu degno altro mortale? B, F: Valor contrasta il duro 16. B20: senza divino 18. B20, B, F: è’l nostro 21. B20, B: cielo, 22. B20: immortale; 23. B20: Che poi eh’è questa B: Ché dov’è questa 26. B20, B: Tanto e si strano 27. B20, B: È ’l clamor de’ sepolti, e de gli 28. B20, B: il nome si dischiude, 29. B20, B: O patria o patria, anco in 30. B20, B: Chiedendo se ti giovi 31. B20: Spirti sublimi, ancor di noi serbate B: Noi miseri la speme aurea non fugge, 32. B: O gloriosi? 33. B20, B, F: certo il futuro 34. B20, F: Ignoranza non copre: io B: Non velano i destini: altro che lutto 35. B20: Ed annientato B: Sdegnano i sensi miei, ché torbo e F: Ed annullato dal dolor, ché 39. B20: Voi non sapete a che siam giunti ? È morta 40. B20: Italia vostra; a’ vostri figli 42. B, F: inclite lodi 43. B20: Non è chi pensi, nullo si conforta B, F: Tace l’itala riva; egro circonda 44. B20: Del vostro rimembrar, che di viltade B: Ozio le tombe vostre, F: Ozio le tombe vostre; 45. B20: a qualsivoglia 48. B20: cui ’l fato 51. B20: chioma 52. B20: sepolti 53. B20, B, F: vetusti Divini 54. B: Parlò né disvelossi,