Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NELLE NOZZE DELLA SORELLA PAOLINA

Poi che del patrio nido
i silenzi lasciando, e le beate
larve e l’antico error, celeste dono,
ch’abbella agli occhi tuoi quest’ermo lido,
te nella polve della vita e il suono
tragge il destin; l’obbrobriosa etate
che il duro cielo a noi prescrisse impara,
sorella mia, che in gravi
e luttuosi tempi
l’infelice famiglia all’infelice
Italia accrescerai. Di forti esempi
al tuo sangue provvedi. Aure soavi
l’empio fato interdice
all’umana virtude,
né pura in gracil petto alma si chiude.
O miseri o codardi
figliuoli avrai. Miseri eleggi. Immenso
tra fortuna e valor dissidio pose
il corrotto costume. Ahi troppo tardi,