Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


A PRIMAVERA

33

20 Vivi tu, vivi, o santa
natura? vivi e il dissueto orecchio
della materna voce il suono accoglie?
Già di candide ninfe i rivi albergo,
placido albergo e specchio
25 furo i liquidi fonti. Arcane danze
d’immortai piede i ruinosi gioghi
scossero e l’ardue selve (oggi romito
nido de’ venti): e il pastorei ch’all’ombre
meridiane incerte ed al fiorito
30 margo adducea de’ fiumi
le sitibonde agnelle, arguto carme *
sonar d’agresti Pani
udi lungo le ripe; e tremar l’onda
vide, e stupì, che non palese al guardo
35 la faretrata Diva
scendea ne’caldi flutti, e dall’immonda
polve tergea della sanguigna caccia
il niveo lato e le verginee braccia.
Vissero i fiori e l’erbe,
40 vissero i boschi un di. Conscie le molli
aure, le nubi e la titania lampa
fur dell’umana gente, allor che ignuda
te per le piagge e i colli,
ciprigna luce, alla deserta notte
45 con gli occhi intenti il viator seguendo,
te compagna alla via, te de’ mortali
pensosa immaginò. Che se gl’impuri
cittadini consorzi e le fatali
ire fuggendo e Tonte,
50 gl’ispidi tronchi al petto altri nell’ime
selve remoto accolse,
viva fiamma agitar l’esangui vene,
spirar le foglie, e palpitar segreta
nel doloroso amplesso
G. Leopardi, Opere-x.

3