Pagina:Leopardi, Giacomo – Pensieri, Moralisti greci, 1932 – BEIC 1858513.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

pensieri - lx-lxiii 39

ogni uomo da bene, all’aprire o leggere un libro moderno, senta pietá di quelle carte e di quelle forme di caratteri cosí terse, adoperate a rappresentar parole si orride, e pensieri la piú parte si scioperati.

LX.

Dice il La Bruyère una cosa verissima; che è piú facile ad un libro mediocre di acquistar grido per virtú di una riputazione giá ottenuta dall’autore, che ad un autore di venire in riputazione per mezzo d’un libro eccellente. A questo si può soggiungere che la via forse piú diritta di acquistar fama, è di affermare con sicurezza e pertinacia, e in quanti piú modi è possibile, di averla acquistata.

LXI.

Uscendo della gioventú, l’uomo resta privato della proprietá di comunicare e, per dir cosí, d’ispirare colla presenza sé agli altri; e perdendo quella specie d’influsso che il giovane manda ne’ circostanti, e che congiunge questi a lui, e fa che sentano verso lui sempre qualche sorte d’inclinazione, conosce, non senza un dolore nuovo, di trovarsi nelle compagnie come diviso da tutti, e intorniato di creature sensibili poco meno indifferenti verso lui che quelle prive di senso.

LXII.

Il primo fondamento dell’essere apparecchiato in giuste occasioni a spendersi, è il molto apprezzarsi.

LXIII.

Il concetto che l’artefice ha dell’arte sua o lo scienziato della sua scienza, suol essere grande in proporzione contraria al concetto ch’egli ha del proprio valore nella medesima.