Pagina:Leopardi - Canti, Piatti, Firenze 1831.djvu/157

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto xxi. 151


Più felice sarei, dolce mia greggia,
Più felice sarei, candida luna.
140O forse erra dal vero,
Mirando a l’altrui sorte, il mio pensiero:
Forse in qual forma, in quale
Stato che sia, dentro covile o cuna,
È funesto a chi nasce il dì natale.