Pagina:Leopardi - Canti, Piatti, Firenze 1831.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

23

II.


Perchè le nostre genti
Pace sotto le bianche ali raccolga,
Non fien da’ lacci sciolte
De l’antico sopor l’itale menti
5S’a i patri esempi de la prisca etade
Questa terra fatal non si rivolga.
O Italia, a cor ti stia
Far ai passati onor, che d’altrettali
Oggi vedove son le tue contrade,
10Nè c’è chi d’onorar ti si convegna.
Volgiti indietro, e guarda, o patria mia,
Quella schiera infinita d’immortali,
E piangi e di te stessa ti disdegna;
Che se non piangi, ogni speranza è stolta: