Pagina:Leopardi - Canti, Piatti, Firenze 1831.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto iii. 37

40Plebe successe; al vostro sangue è scherno
E d’opra e di parola
Ogni valor; di vostre inclite lodi
Tace l’itala riva; egro circonda
Ozio le tombe vostre; e di viltade
45Siam fatti esempio a la futura etade.

     Bennato ingegno, or quando altrui non cale
De’ nostri alti parenti,
A te ne caglia, a te cui fato aspira
Benigno sì che per tua man presenti
50Paion que’ giorni allor che da la dira
Obblivíone antica ergean la chioma,
Con gli studi sepolti,
I vetusti Divini a cui natura
Parlò senza svelarsi, onde i riposi
55Magnanimi allegràr d’Atene e Roma.

Oh tempi, oh tempi avvolti
In sonno eterno. Allora anco immatura
La mina d’Italia, anco sdegnosi
Eravam d’ozio turpe, e l’aere a volo
60Qualche favilla ergea da questo suolo.

     Eran calde le tue ceneri sante,
Non domito nemico