Pagina:Leopardi - Canti, Piatti, Firenze 1831.djvu/51

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

45

all’aggiornare; e Mimnermo, poeta greco antichissimo, pone il letto del sole in un luogo della Colchide. Stesicorob 1, Antimacob 2, Eschilob 3, e lo stesso Mimnermob 4 più distintamente degli altri dice anche questo, che il sole dopo calato si pone a giacere in un letto concavo a uso di navicella, tutto d’oro, e così dormendo naviga per l’Oceano da ponente a levante. Pitea marsigliese allegato da Geminob 5 e da Cosma egizianob 6 racconta di non so quali Barbari che mostrarono a esso Pitea la stanza dove il sole, secondo loro, s’adagiava a dormire. E il Petrarca s’avvicinò a queste tali opinioni volgari in quei versib 7: Quando vede ’l pastor calare

  1. ap. Athenaeum, l. 11, c. 38; ed. Schveighaeuser, tom. 4, p. 237.
  2. ap. eumd. loc. cit. p. 238.
  3. Heliad. ap. eumd. l. c.
  4. Nannone, ap. eumd. loc. cit. c. 39, p. 239.
  5. Elem. Astron. c. 5; in Petav. Uranolog. Antuerp. (Amstel.) 1703, p. 13.
  6. Topogr. christian. l. 2; ed. Montfanc. p. 149
  7. Canz. Ne la stagion che ’l ciel rapido inchina, st. 3.