Pagina:Leopardi - La virtù indiana, manoscritto, 1811.djvu/43

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO TERZO

Scena Prima
Amet-Schah, ed Osnam.


Osnam. Pronto adempìi quanto imponesti, omai
Liberata è Delly da l’armi ostili490
A noi la sorte arride, il fallo suo
Poiché Nizam mirò di ferri cinto
Conobbe, ed emendò lo stuol ribelle,
A l’amico il nemico unito, e misto
Mal potè far difesa, ovunque in preda495
A pavido timor trafitto cadde
De’ Maratti lo stuolo, insiem confuso
Delle fedeli schiere, e delle ostili
Scorre tra queste mura il nero sangue.
Esulta il popol tutto, abborre ognuno500
L’iniquo traditor; di labbro in labbro
Già vola il nome tuo; solo fra tanta
Gioja confuso, e mesto infra l’oscure
Spaventose tenebre in carcer nero
Geme d’aspre catene avvolto, e stretto505