Pagina:Leopardi - La virtù indiana, manoscritto, 1811.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Al ciel s’innalza, e su l’iniquo capo

Piomba orribile alfin l’ira divina.
Del delitto fatal vendetta atroce
Ella ritrar saprà. Si parta intanto,
L’opra si compia omai, Surate, ed Agra530
Gemon per anco a l’inimico in preda
Forse potrìan del fuggitivo stuolo
Farsi amico ricetto; al regno, al trono
Periglioso ciò fora; i stanchi io vado
Guerrieri a radunar, se a le mie cure
Fausto arride il destin de’ fidi acciari
Al balenar d’ostili turme or ora
Scevro il Mogol vedrai.1


Scena Seconda
Ibraimo, ed Osnam.


Ibraimo.  (Numi, pietade
Che incontro è questo mai!)
Osnam.  T’avvanza, il passo


  1. Parte