Pagina:Leopardi - Operette morali, Gentile, 1918.djvu/309

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


245 — ne’ miei scritti la nostra specie, quanto dolermi del fato. Nessuna cosa credo sia più manifesta e palpabile, che l’infelicità necessaria di tutti i viventi. Se questa infelicità non è vera, tutto è falso e lasciamo pur questo e qua¬ lunque altro discorso. Se è vera, perché non mi ha da ) essere né pur lecito di dolermene apertamente e libera¬ mente, e dire, io patisco? Ma se mi dolessi piangendo (e questa si è la terza causa che mi muove), darei noia non piccola agli altri, e me stesso, senza alcun frutto. Ridendo dei nostri mali, trovo qualche conforto; e procuro 10 di recarne altrui nello stesso modo. Se questo non mi vien fatto, tengo pure per fermo che il ridere dei nostri mali sia l’unico profitto che se ne possa cavare, e 1’ unico rimedio che vi si trovi. Dicono i poeti che la disperazione ha sempre nella bocca un sorriso. Non dovete pensare che io 15 non compatisca all’ infelicità umana. Ma non potendovisi riparare con nessuna forza, nessuna arte, nessuna industria, nessun patto ; stimo assai più degno dell’ uomo, e di una disperazione magnanima, il ridere dei mali comuni; che il mettermene a sospirare, lacrimare e stridere insieme cogli 20 altri, o incitandoli a fare altrettanto. In ultimo mi resta a dire, che io desidero quanto voi, e quanto qualunque altro, il bene della mia specie in universale; ma non lo spero in nessun modo; non mi so dilettare e pascere di certe I A specie — 3 AMF la — 7 A liberamente — 9 A altri — stesso — 10 A mali — conforto, — AM proccuro — 13 A cavare — 14 A Dispe¬ razione — 16 AMF alla — 18 A patto, — uomo — 19 A magnanima — comuni — 20 AMF lagrimare — 21 A altri <— AM incitandogli — 22 A dire — voi — altro — 23 A universale, — 24 A modo, I mi dolgo — 2 e cer(ta) — 2-3 della — 6-7 apertamente e dire — 7 me ne dolessi — 8 questa è — terza cosa — 8-9 noia agli — senza costrutto — 11 agli altri — 19 de* — 20 mettersene — 22-3 desidero il bene d. m. specie in univ. quanto voi e q. qualunque altro — 24 mi posso — di cento —