Pagina:Leopardi - Operette morali, Gentile, 1918.djvu/339

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


per (ermo che non sia stata senza infinito accrescimento d’infelicità. Certo che quelle genti salvatiche non sentono mai desiderio di finir la vita; né anco va loro per la fan¬ tasia che la morte si possa desiderare : dove che gli uomini costumati a questo modo nostro e, come diciamo, civili, la 5 desiderano spessissime volte, e alcune se la procacciano. Ora, se è lecito all’ uomo incivilito, e vivere contro natura^-! e contro natura essere cosi misero ; perché non gli sarà — lecito morire contro natura? essendo che da questa infelt—* cità nuova, che risulta a noi dall' alterazione dello stato, IO non ci possiamo anco liberare altrimenti, che con la morte. Che quanto a ritornarci in quello stato primo, e alla vita disegnataci dalla natura ; questo non si potrebbe appena, e in nessun modo (orse, circa 1* estrinseco ; e per rispetto all’ intrinseco, che è quello che più rileva, senza ajcun 15 dubbio sarebbe impossibile aifatto. Qual cosa è manco natu¬ rale della medicina? cosi di quella che si esercita con la mano, come di quella che opera per via di farmachi. Che 1’ una e 1’ altra, la più parte, si nelle operazioni che fanno, e si nelle materie, negli strumenti e nei modi che usano, 20 sono lontanissime dalla natura: e i bruti e gli uomini sel¬ vaggi non le conoscono. Nondimeno, perocché ancora i morbi ai quali esse intendono di rimediare, sono fuor di natura e non hanno luogo se non per cagione della civiltà, cioè della corruttela del nostro stato; perciò queste tali arti, 25 benché non sieno naturali, sono e si stimano opportune, e anco necessarie. Cosi questo atto dell’ uccidersi, il quale ci libera dalla infelicità recataci dalla corruzione; perché sia,, contrario alla natura, non séguita che sia biasimevole : biso-| gnando a mali non naturali, rimedio non naturale. E sariar 30 pur duro ed iniquo che la ragione, la quale per far noi più miseri che naturalmente non siamo, suol contrariare la natura nelle altre cose; in questa si confederasse con lei, — 276 —