Pagina:Leopardi - Operette morali, Gentile, 1918.djvu/362

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Muse. opp. tom. 2, pag. 376. Origene, contro Cels. lib. 3, cap. 32. 0 In proposito di quest’ uso, il quale è comune a molti popoli barbari, di trasfigurare a iorza le teste; è nota- 5 bile un luogo d’ Ippocrate, de Aere, Aquis et Locis, opp. ed. Mercurial. class. 1, pag. 29, sopra una nazione del Ponto, detta dei Macrocefali, cioè Testelunghe; i quali ebbero per usanza di costringere le teste dei bambini in maniera, che elle riuscissero più lunghe che si potesse: e 10 trascurata poi questa pratica, nondimeno i loro bambini nascevano colla testa lunga: perché, dice Ippocrate, cosi erano i genitori. 6 Vedi il Vert-vert del Gresset. 7 Sus vero quid habet praeter escam ? cui quidem, ne 15 putisceret, animarti ipsam, prò sole, datam dicit esse Chry- i sippus. Cicerone, de Nat. Deor. lib. 2, cap. 64. 8 Città favolosa, detta altrimenti El Dorado, la quale 1 immaginarono gli Spagnuoli, e la credettero essere nell’ Ame- i rica meridionale, tra il fiume dell’ Orenoco e quel delle 20 Amazzoni. Vedi i geografi. Vedi nelle gazzette tedesche del mese di marzo del 1824 le scoperte attribuite al sig. Gruithuisen. 10 Vedi Macrobio, Salumai, lib. 3, cap. 8. Tertulliano, Apologet. cap. 15. Era onorata la luna anche sotto nome I 25 maschile, cioè del dio Luno. Sparziano, Caracall. cap. 6 I et 7. Ed anche oggi nelle lingue teutoniche il nome della luna è del genere del maschio. 7 A Teatelunghe, — 9 A potei««. — Il A lunga, — 13 Quej/alj nota manca In AM — 17 AMF Eli Dorado (In carattere tondo) —-Il 19 AMF Orenocco — 21-2 Manca In AM — 26 Ed anche oggi ecc. è j aggiunta di F 6-7 dell'Aiia — 8-9 in modo che riu»c. — 14-16 Non erano riferite te parole dt Clc. — 299 —