Pagina:Leopardi - Paralipomeni della Batracomiomachia, Laterza, 1921.djvu/60

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 i - versi

     O mondo gramo, e se’ codardo tanto
ch’uom su tuo' seggi può seder sicuro
di sangue intriso la corona e ’l manto?
     E quando etade ha suo passar maturo,
215passa ’l tirán giá sazio, e allor pur anco
trovar chi ’l biasmi e chi l’accusi è duro?
     e di soffrir quest’orsa non se’ stanco
che ti ficca e rificca l’unghia e ’l dente
nel rosso petto e ’n lo squarciato fianco?
220     Oh sciagurato mondo, oh età dolente,
oh progenie d’abisso atri tiranni,
oh infamia eterna de l’umana gente!
     Quest’è la bestia che da’ tuoi verd’anni
t’arse di rabbia, e del cui lercio sangue
225tinta bramasti aver la mano e i panni.
     Quest’è l’orribil idra, quest’è l’angue
che gonfia sopra ’l mondo alza la cresta,
perché virtude è morta e ’l saper langue.
     Vedi come la piaggia si fa mesta
230al passar de la fera, e ve’ ’l pugnale
ch’ha per iscettro, e ’l sangue che calpesta.
     Vedi ’l nefando stuol che fu mortale
a lo sgraziato mondo, e da cui 'l mondo
non ebbe che ’l campasse brando o strale.
235     Vedi Tiberio lá, vedi l’immondo
gregge di que’ che ne l’etá piú nera
Italia tua gravâr di tanto pondo.
     Ve’ ’l furbo piú vicin che spinse a sera
la libertá romana, e n’ebbe fama,
240e ancor d’amici al mondo ha tanta schiera.
     Ve’ Periandro lo tristo che brama
tenne d’aver tra’ greci saggi onore,
e sua Corinto misera fe’ grama.
     Pur ve’ che di vergogna e di furore
245arse talor la gente, ed avventosse
col ferro nudo del tiranno al core. —