Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

i. versi italiani 5

     Già di lontano scorgesi
portar la parca mensa
la contadina provvida:
intorno a lei s'addensa
35ed alto grida lieto
de' contadini il ceto.
     Sotto un ombroso faggio
la turba insiem s'asside;
le frutta e il pane ruvido
40e l'erba si divide,
e con la mensa amica
solleva la fatica.
     Felice turba rustica,
cibo soave e grato,
45ombra più dilettevole
d'ogni palagio aurato,
campo fecondo e quieto,
l'uomo in te vive lieto!


3

AL SIGNOR CONTE MONALDO LEOPARDI


     Mentre tu godi le delizie amene
del campo amico, o genitor diletto,
con rozza penna a te vergare io voglio
un'eliconia carta; onde a te possa
5la mia stima svelare e il mio rispetto.
     Nel fonte d'Ippocrèn la penna intingo:
d'alloro cingo l'apollinea cetra
e di mirto la fronte; indi m'assido.
     Ma che mai dico? che pretendo? io dunque
10udir farò della mia cetra il suono
al dotto genitor? No, che i miei carmi