Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

v. epigrammi 111


Epigr. XXXII.

Quae quondam infernas turris ducebat ad timbras,
     nunc, Venetum auspiciis, pandit ad astra viam.

La specola di Padova fu fabbricata da Ezzelino per farvi morire i suoi prigionieri.

Epigr. XXXIII.

Hic est pampineis viridis modo Vesuvius utnbris:
     presserai hic madidos nobilis uva lacus.
Haec iuga quam Nisae colles plus Bacchus amavit:
     hoc nuper Satyri monte dedere choros.
Haec Generis sedes Lacedaemone gratior illi,
     hic locus herculeo nomine clarus erat.
Cuncta iacent flammis, et tristi mersa favilla:
     nec Superi veltent hoc licuisse sibi.
Martialis

Epigr. XXXIV.

     D'Adam nous sommes tous enfants,
la preuve en est connue,
     et tous nos premiers parents
ont traîné la charrue:
     mais, las de cultiver enfin
la terre labourée,
     l'un a dételé le matin,
l’autre l’après-dîner.

Epigr. XXXV. Il fico può dirsi l'unico frutto che nasca senza previa produzione di fiori. Quest'epigramma è ad imitazione di quello che ritrovasi nella lettera XVII sopra gli epigrammi di Saverio Bettinelli, cioè:

     Biasma l'ornato stile
di Torniel gentile
un orator severo,
e grida in tuono austero
di zelo ovver d'orgoglio:
— Non fior ma frutti io voglio. —
Ed io: — Ma i saggi tutti
dicon che senza fior non nascon frutti. —