Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
186 ii. versi frammenti abbozzi

2


     Sentia del canto risonar le valli
d'agricoltori...


3


     Padron, se con lamenti e con rammarichi
si rimediasse alle nostre miserie,
bisognerebbe comperar le lagrime
a peso d'òr; ma queste tanto possono
le disgrazie scemar, quanto le prefiche
svegliare i morti con le loro istorie.
Ne' guai non ci vuol pianto, ma consiglio.


4


     Si come, dopo la procella oscura,
canticchiando gli augelli escon dal loco
dove cacciògli il nembo o la paura;
     e il villanel, che presso al patrio foco
sta sospirando il sol, si rasserena
sentendo il dolce canto e il dolce gioco...


5


     Vedendo meco viaggiar la luna...


6


     Oh infinita vanità del vero!...


7


     La speme che rinasce in un col giorno...
Dolor mi preme del passato, e noia
del presente, e terror dell'avvenire.