Pagina:Lettera ai Signori Corbellini, De Welz, A. G. e Compagni.djvu/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

7

si levano d’ogni parte uomini pazienti e leali che additano francamente gli errori e suggeriscono i rimedj.

Voi mi seguite passo passo come l’ombra, e contrapponete inesorabilmente a cadauno de’ miei cinquanta paragrafi un cadauno dei vostri cinquanta paragrafi; e vi chiamate malpratico da senno perché io mi dissi malpratico da baia; e non sapete mettere due parole di titolo in fronte al vostro libro senza pigliarle precisamente dalla coda del mio. Vedete che per rispondervi particolarmente dovrei scrivere da capo altri cinquanta paragrafi; ciò che supera affatto i limiti della mia pazienza e del mio tempo. Vi manderò dunque, se volete, una copia dell’opuscolo. Rinverrete là dentro le cinquanta risposte; e se vi studierete di leggere con attenzione e lealtà, scoprirete ch’io non sono un nemico del Monte, ma un amico che gli dice la verità e gli dà 37 buoni pareri senza farne rumore; e inoltre gli dice d’onde può ritrarne alcuni di quegli altri molti che gli fanno bisogno.

Siccome nell’uso del Foro si presume che un litigante ammetta tutto ciò che non nega, così gli avvocati sogliono tener dietro ad ogni parola con una minuziosa e particolar negativa; tanto più che non si sa quali vantaggi possa l’avversario nel seguito degli atti ritrarre da un’asserzione che si presenta nella più innocua sembianza. Ma quando si parla al publico, l’arte che voi mi rimproverate quasi di conoscere, insegna di far diversamente. Basta contrapporre ad un raziocinio un altro raziocinio liberamente dedotto dai propri principj e francamente atteggiato; poiché alla memoria del lettore le minuzie sfumano tosto e rimane soltanto una generica persuasione. Quindi se non volete che qualche maligno non dica che avete scritto sotto la dettatura d’un qualche avvocato, aggradite quest’altro consiglio n.° 38; e riducete il vostro libro in tre o quattro paragrafi, che è tutto quello che potete dire in modo di meritarvi un po’ di confutazione.

E quand’anche i vostri modi non siano degni di risposta,