Pagina:Lettere autografe Colombo.djvu/88

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
68 avvertenza.

gressivo dell’inventario dei libri del barone Pietro Custodi, la cui libreria fu donata alla Biblioteca Ambrosiana.

Segue poscia una carta di guardia del tutto bianca aggiuntavi colla legatura, che è moderna di questo secolo.

Indi comincia al recto dalla prima carta la stampa spagnuola, in carattere semigotico, senza frontespizio nè titolo alcuno.

Le carte sono quattro, in tutto conformi al fac-simile che ne porgiamo ai nostri lettori; le pagine sono otto, tutte compiute, tranne l’ultima al verso, dove la lettera finisce a un terzo della pagina con sole 11 linee, seguite da altre 14 linee a mo’ di poscritto o di aggiunta.

La pagina compiuta è composta di linee 30, senza alcun richiamo, né segnatura.

La carta, sulla quale trovasi eseguita la stampa di ciascuna pagina, è alta cent. 20, e larga cent. 14 e dec. 5.

La pagina stampata è alta cent. 15 e dec. 3, e larga cent. 10.

Il carattere è semigotico, cioè misto di lettere gotiche e tonde romane.

La prima lettera iniziale è stragrande, occupa lo spazio quadrato di cinque linee, lavorata in campo bianco su fondo scuro a fiori. Il testo comincia e seguita sino alla fine senza mai venire a capo.


Avemmo cura di ristampare questo rarissimo testo in tutta la sua interezza, anche serbando le evidenti scorrezioni tipografiche, e soltanto sciogliendo quelle abbreviature che non si ponno coi tipi da stampa riprodurre. Di alcune parole o