Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/161

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
154 lettere d’una viaggiatrice

ste case sono tutte dipinte chiarissime, di bianco dolce, di un grigio tenero, di un nocciuola velato, persino di un azzurro come l’aria e hanno l’aspetto così netto, così lindo, così gentile, anche le più piccole, anche le più povere e sono in verità, così nette, così linde entro e fuori, che confortano l’animo di tutte le persone pulite. Queste case, tutte quante, hanno dei larghi balconi, delle larghe verande, delle terrazze con balaustre, le terrazze italiane, e da queste aperture tutto l’azzurro, tutto il sole entra nelle case, e su questi balconi, sulle verande, sulle terrazze stanno al sole, sotto gli ombrellini, tutti i freddolosi, tutte le infermiccie, tutte le convalescenti, o, in gran folla, tutte le amatrici del sole. In questo paese, la coltura dei fiori è un vero fanatismo: chiunque ha un pezzo di terra, vi mette delle viole, dei geranii, delle rose, e i fiori vi crescono così più belli, così più fragranti, così più ricchi di petali, così più vivi di colore di qualunque altro paese: in questa Nizza, i rami dei lilla bianchi circondano odorosamente gli alti eucalitti, e le umili violacciocche crescono ai piedi dei palmizii, così,