Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/169

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
162 lettere d’una viaggiatrice




Leggiadrissimo spettacolo! Le più semplici carrozze che prendono parte al corso dei fiori hanno due fiamme di fiori, al posto delle lanterne, che non vi sono più; grandi fiamme di giunchiglie bianche, di giunchiglie gialle, di garofani rossi; il timone, fra i due cavalli, ha un grande fiocco di nastri di velo, del colore dei fiori: la testiera dei cavalli, le orecchie dei cavalli sono adornate da diademi, da mazzetti di fiori: la bacchetta del cocchiere, è infiorata. Le più semplici vetture, così: e di queste semplici ve ne sono due o trecento, che vanno, vanno, vengono, ritornano, in una processione floreale, dove la curiosità è sempre rinascente, per vedere quale mai altro fiore, bello, fresco, tenero e vivace, adorni queste carrozze e questi cavalli. Dentro, signore, signorine, giovanotti, sono tutti, in gran parte, vestiti di bianco, con cinture colorate le donne, simili al colore dei fiori, con cravatte simili, gli uomini; con lievissimi cappelli di paglia o di velo, le donne,