Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/251

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
244 lettere d’una viaggiatrice

snella, poetica figura di donna che rallegrò così giovenilmente l’ambiente, e a cui il conte Primoli fece, in quel giorno, tante fotografie una più bella dell’altra, in quel quadro così bello del Cap Martin, in quel giardino meraviglioso, di villa Cyrnos! Tutte le principesse della casa d’Inghilterra, come laggiù, nel loro paese, ad esempio della loro grande ava, la Regina, quando villeggiava a Riviera Palace, a Cimiez, vengono spesso a trovare cordialmente la imperatrice Eugenia, ed ella sente, ancora, il calore di quel sentimento affettuoso, riscaldarle il cuore. La vita è semplice, al Cap Martin, intorno alla discendente di S. Domenico de Guzman, all’ ardente spagnuola cui la vivacità fu temperata dalla grazia francese: qualche passeggiata, qualche lettura, qualche visita, un po’ di circolo intimo, tutto quanto può ancora consolare l’anima di una grande sconsolata che ha, però, pacificata per sempre la sua vita. Ella tornerà in Inghilterra, in maggio, la imperatrice Eugenia: e traverserà, col nome della contessa di Pierrefonds, la Francia dove ella può andare, poiché sono esiliati solo i pretendenti, Vittorio