Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/283

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

lettere d’una viaggiatrice 276

corsa solo da vecchie signore seguite da un servitore in livrea, da gentiluomini inappuntabilmente vestiti, alle due pomeridiane, da monache che camminano a occhi bassi, tagliando via de Courcelles, vi è un altro boulevard anche molto aristocratico, quasi deserto, senza botteghe, dai grandi palazzi signorili, ombrosissimo, il boulevard Haussmànn; passando sulla riva sinistra della Senna, nel Quartiere Latino, il quartiere dell’Istituto, della Sorbona, dei professori e degli studenti — quel che fu il vostro quartiere, o Mimi, o Musette... — si trova il rumorosissimo boulevard Saint Michel, popolarissimo, detto anche dagli studenti di cui è assoluto dominio, il Boul’Mich, nelle cui birrarie, alla sera, non si è sempre securo di non correre qualche pericolo, e in cui ordinariamente, chi non è studente, non va. E altri boulevards eccentrici vi sono, con caratteri molto speciali ognuno di essi, poiché a Parigi vi sono tante piccole città, chiuse in un ambiente colossale, poiché ognuno se ne va ad abitare, a vivere, con la propria gente, nel quartiere che più conviene alla propria professione o al proprio gusto. Ma che