Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/309

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
302 lettere d'una viaggiatrice

il capo talmente, che ve lo vedete, dirimpetto, in modo da aiutare il riconoscimento. Questa esposizione che sembra, nelle sue forme ed è, una cosa atroce, ha ragioni civili e giudiziarie di cui a nessuno sfugge l’importanza.

Nulla è più importante che assodare la identità di un morto sconosciuto, perito per accidente, forse, per suicidio, forse, e forse per delitto. Difatti, sulle quattro pareti della sala di esposizione, vi sono quattro placche di marmo, su cui è scritto, quattro volte: Le public est invité à faire aie bureau du greffe à la Morgue, la déclaration, du noni des individus qa’il pourrait reconnaitre. Cette déclaration n’entraine aucun frais de la part des étrangers, des amis ou de la famille même du defunt, elle est toute gratuite. I cadaveri esposti rimangono dietro la vetrina, sino a che non sieno riconosciuti e identificati: appena avvenuto il riconoscimento, si portano via e si sotterrano, dando il posto ad altri. La Morgue riceve, in media, ogni anno, novecento cadaveri, compresi i feti, i neonati e i frammenti umani. Almeno un settimo di questi cadaveri non è