Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/361

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
354 lettere d’una viaggiatrice

Egli la guarda, sorpreso: non risponde: non sa. Ella si tace: a occhi bassi, sogna.


Come tutte le passioni ideali, l’amore della montagna è pieno di difficoltà: per appagarlo, quanti sforzi morali e materiali! Spezzare, volontariamente, le consuetudini di un anno, di anni, e alcune di esse molto care, e alcune di esse fatte sacre dal tempo; dividersi da ogni persona e da ogni cosa, totalmente, per mettersi nello stato di grazia particolare a una comunione perfetta con le altezze agognate; fare della propria nostalgia, della propria aspirazione, tutta la vita interiore: e crearvi, fuori, tutta una novella vita, assolutamente diversa dall’altra, fin allora vissuta. Ah che le montagne sono molto lontane e molto alte! Bisogna divorare chilometri e chilometri di ferrovia, in estate, in vagoni carichi di viaggiatori, in sleeping-cars, ove si soffoca di caldo, alla mattina.