Pagina:Lockyer - Astronomia, 1904.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

La Terra e i suoi movimenti. 29

è poco più della durata ordinaria d’una battuta di polso.

Già dissimo che ogni rotazione della Terra apporta a noi un giorno ed una notte, intese queste parole nel loro significato ordinario; già dissimo ancora che in due sole epoche dell’anno noi abbiamo il giorno lungo così come la notte successiva. In ogni altra epoca il nostro giorno e la successiva notte hanno durate disuguali fra loro, ma la somma delle singole durate successive dell’uno e dell’altra è sempre costante ed uguale alle 24 ore del giorno solare.

§ VI.

La Terra è alquanto schiacciata ai poli della sua rotazione.
Piccoli movimenti osservati in detti poli
.


26. Nel discorrere della figura della Terra abbiamo concluso (§ II) che essa è un corpo rotondeggiante, poco diverso da una palla o da un globo, che essa in altre parole ha approssimativamente la forma sferica. Approssimativamente, perchè già le ineguaglianze e la scabrosità della sua superficie, sebbene piccolissime, come vedemmo, in confronto delle sue dimensioni, bastano ad impedire che la figura della Terra possa mai essere considerata come esattamente sferica.

Ora che noi abbiamo imparato a conoscere sulla Terra i poli della sua rotazione, e il circolo detto equatore, siamo in grado di intendere bene un’altra deviazione della Terra dalla esatta figura sferica, deviazione alla quale si dà il nome di schiacciamento.

27. Tale deviazione proviene da ciò che i diametri della Terra, cioè le linee condotte per il suo