Pagina:Lockyer - Astronomia, 1904.djvu/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
72 Prime nozioni di Astronomia.

zione sia la stessa per qualunque luogo della Terra; essa varia a seconda del luogo che si considera, a seconda, in altra parola, della latitudine del luogo dell’osservatore.

Se sapeste che il Sole è una stella come tutte le altre, ciò che però non vi ho per anco dimostrato, ne trovereste da voi medesimi la ragione. Infatti il Sole, essendo una stella, deve presentarci le medesime apparenze di ogni altra stella del cielo, modificate solo dall’effetto che sovra esse ha il moto di rivoluzione della Terra nella propria orbita.

L’effetto non è grande, e consiste solo in ciò che il Sole, come or ora si è visto, non si leva e non tramonta mai due giorni di seguito negli stessi punti dell’orizzonte per nessun paese della Terra; laddove le stelle cambiano bensì di giorno in giorno l’ora del loro levare e del loro tramonto, ma il luogo in cui appaiono sull’orizzonte e scompaiono sotto di questo, è sempre lo stesso per ciascuna di loro.

69. Troverete però un’analogia fra il Sole e le stelle in questo, che a quel modo che il Sole quando percorre in cielo paralleli settentrionali si leva assai prima che quando corre per paralleli meridionali, cosi, di tutte le stelle che trovansi sopra un medesimo meridiano celeste, che in tal caso chiamerò circolo orario, le prime a spuntare sull’orizzonte son quelle che appartengono all’emisfero nord del cielo, le ultime quelle che appartengono all’emisfero sud. Lo mostra benissimo qui contro la fig. 19 che ora vi spiego.

La Terra, e voi con essa, punto impercettibile della gran sfera del cielo è in M; Z è il vostro zenit, OO’ rappresenta il vostro orizzonte; P, P’ sono i poli di rotazione della vôlta stellata; PSS’P’