Pagina:Lorenzo de' Medici - Opere, vol.1, Laterza, 1913.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146 iii - rime

II

[S’invaghí della sua donna in primavera.]


     Era nel tempo bel, quando Titano
dell’annual fatica il terzo avea
giá fatto, e co’ suoi raggi un po’ pugnea
d’un tal calor, ch’ancor non è villano;
     vedeasi verde ciascun monte e piano,
e ogni prato pe’ fiori rilucea,
ogni arbuscel sue fronde ancor tenea,
e piange Filomena e duolsi invano;
     quand’io, che pria temuto non avria,
se Ercole tornato fussi in vita,
fu’ preso d’un leggiadro e bello sguardo.
     Facile e dolce all’entrar fu la via;
or non ha questo laberinto uscita,
e sono in loco dove sempre io ardo.


III

[«Ben guardi ogn’uom pria che sia mosso».]


     Giá sette volte ha Titan circuíto
nostro emispero e nostra grave mole:
per me in terra non è stato sole,
per me luce o splendor fuor non è uscito.
     Ond’è ch’ogni mio gaudio è convertito
in pianto oscuro, e, quel che piú mi duole,
veder Amor che ne’ princípi suole
parer placato, ognor piú incrudelito.
     Tristo principio è questo al nostro amore,
e giá mi pento della prima impresa,
ma or, quando aiutar non me ne posso;
     ch’io sento arder la face a mezzo il core,
e oramai troppo è questa ésca accesa.
Dunque, ben guardi ogn’uom pria che sia mosso.