Pagina:Lorenzo de' Medici - Opere, vol.1, Laterza, 1913.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
178 iii - rime

XXXVI

Sonetto fatto andando in Maremma lungo la marina.


     Co’ passi sparti e colla mente vaga
cercando vo’ per ogni aspro sentiere
l’abitazion delle silvestre fiere,
presso ove il mar Tirren bagna ed allaga;
     sol per provar se si quieta e appaga
l’alma per cose nuove, qual vedere
sempre li pare, e innanzi agli occhi avere
quegli occhi che li fêr l’antica piaga.
     Se da sinistra in qualche oscuro speco
guardo, la veggio lí tra fronde e fronde,
nuova Diana che ogni oscuro allieti:
     a destra rimirando le salse onde,
parmi che tolto abbi il suo imperio a Teti:
cosí sempre è mia dolce pena meco.


XXXVII

Sonetto fatto per un sogno.


     Piú che mai bella e men che giá mai fèra
mostrommi Amor la mia cara inimica,
quando i pensier del giorno e la fatica
tolto avea il pigro sonno della sera.
     Sembrava agli occhi miei propria com’era,
deposta sol la sua durezza antica,
e fatta agli amorosi raggi aprica:
né mai mi parve il ver cosa sí vera.
     Prima, al parlar, e pauroso e lento
stavo, come solea: poi la paura
vinse il disio, e cominciai, dicendo:
     — Madonna... — E in quel partissi come un vento.
Cosí in un tempo súbita mi fura
il sonno e sé e mia merzé, fuggendo.