Pagina:Lorenzo de' Medici - Opere, vol.1, Laterza, 1913.djvu/273

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

selva seconda 267

56

     Madonna stassi in quelle parte eccelse,
ove il mio bel disio da prima nacque,
ch’Amor ogni pensier del core svelse
e piantò quel che sempre verde giacque,
e la mia donna tra le donne scelse
e me la die’; né poi altro mi piacque:
questo amoroso loco or me l’invola:
lí si sta, sanza me, pensosa e sola.

57

     In questo loco ove Madonna gira,
lasso, le luci belle e lacrimose,
amorosi mister dolente mira,
e rimembra le prime dolci cose:
ad ogni passo mi chiama e sospira;
e chi chiama, ode e di lontan rispose:
piange, e piangendo cresce piú il tormento
e fra se stessa cosí dir la sento:

58

     — Qui l’aspettai, e quinci pur lo scorsi.
Quinci sentii l’andar de’ leggier piedi,
e quivi la man timida li porsi;
qui con tremante voce, dissi: — Or siedi — ,
qui volle a lato a me soletto porsi,
e quivi interamente me li diedi:
quivi legò Amor ambi duo noi
d’un nodo che giamai si sciolse poi.

59

     Quando il sentii tra l’ombre e vidi appresso,
il cor tremava pavido nel petto:
era il disio e dubbioso e perplesso:
da timor lieto e timido diletto
in un tempo era il vago core oppresso:
né so in quel punto quel che avessi eletto.
Mentre Amor spinge i passi e ’l timor frena,
mi giunse di letizia incerta piena.