Pagina:Loti - Pescatori d'Islanda.djvu/149

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 149 —

Tre dei ritardatarii arrivarono e poi ancora cinque. Due solamente mancavano all’appello.

— Allora — dicevano ridendo — quest’anno la «Leopoldina» e la «Maria-Giovanna» raccoglieranno le granate del ritorno.

E Gaud rideva anche lei, più animata e più bella, nella sua trepida gioia di aspettazione.


Capitolo Nono.


Intanto i giorni passavano.

Ella continuava a mettersi in toletta e prendere un’aria allegra e ad andare sulla spiaggia a parlare con le altre. E diceva che quel ritardo era naturale. Non si verificava forse ogni anno? E poi due battelli così buoni come quei due con quell’equipaggio così scelto!.....

In seguito, ritornata a casa sua, la sera le cominciarono a venire dei piccoli fremiti di ansia e di angoscia. Era veramente possibile che, così presto, avesse già paura? E di che poi? Ma suo malgrado, si sbigottiva di aver già paura.


Capitolo Decimo.


Il dieci settembre! Come fuggivano i giorni!

In un mattino nebbioso, un vero mattino di autunno, il sole la trovò seduta di buon’ora sotto il portico della cappella dei naufragati, nel luogo dove vanno a pregare le vedove — seduta; gli occhi fissi e le tempie serrate con le mani come in un anello di ferro.

Da due giorni erano incominciate le nebbie tristi e quella mattina Gaud si era risvegliata con un’inquietudine più pungente. Che cosa aveva di più degli altri,