Pagina:Lucifero (Mario Rapisardi).djvu/218

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

lucifero

Che tutta chiusa nel virgineo peplo
Rigida custodía l’are di Vesta,
Una discinta Maddalena adduce
550Ad insegnar cascaggini eleganti
Per le tiepide alcove, o a tesser balli
Vertiginosi fra le nubi, e un’onda
Versar quinci di ritmi e di profumi
Sopra le folleggianti anime umane.
555Ecco, ei viene, ei risplende. Altero e bello
Ne la modestia sua con misurato
Passo s’inoltra; e benchè svelto e lieve
Scivoli sovra i piè, pur non sostenne
L’arguto calzolar, ch’ei non proceda
560Senza un qualche rumor: però che volle
Sotto al tornito stivaletto, a cui
Ròdope stessa invidierebbe, un nido
Porre di crepitanti e scricchiolanti
Genj, che possan dire anco ai lontani:
565Ecco il nume, adorate! In simil guisa
Dall’Olimpo al boscoso Ida venía
Il saturnio signor, quando all’incontro
Dolce ridente gli schiudea le braccia
La placata consorte, e sotto il passo
570Gli stridean le selvagge aquile e il fascio
Dei serpeggianti folgori. Alla soglia
Fermasi un tratto; la sottil mazzetta
Palleggia, ed il sereno occhio d’intorno
Muove in cerca di lei, vergine o sposa.
575Donna o dea, ch’ai suoi lauri un qualche intrecci
Gentil fior di pensiero, e stilli unguenti
Sopra le nevi del ben culto crine.
Bice è là, che l’attende: ecco, si spicca
Dal picciol crocchio delle sue compagne,
580E gli muove d’incontro e gli confida
Nel morbido candor del niveo guanto



— 214 —