Pagina:Maineri - L'adolescenza, Milano, 1876.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CONSIGLI ED AUGURI AL LETTORE


È il quinto anno, o giovani amici, che mi presento a voi: — dunque ci conosciamo e, lo dico pur francamente, ci amiamo.

E perchè no?

Le nostre idee sono conformi, concordi i voti, non dissimil la meta. Perchè dissentiremo noi? Tutti intendiamo a esser felici, vero? Ma ch’è dessa, o carissimi, la felicità? Non altro, credetemi, che il compimento del proprio dovere; chè solo da esso derivano la dolce quiete dell'animo e la calma soave dell’intimo senso. — Forse che la fortuna, le ricchezze, gli onori fanno l’uomo pago e contento? Non lo credete; non c'è che la pratica della virtù che sia capace di tanto: ma siccome tal pratica può rinvenirsi in ogni stato della vita, chiunque senta quanto dee a sè, alla