Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
148 ricordi delle alpi.


rito non erano zoppe: — Via, parti pure, diçevagli; tuo figlio dee sapere un giorno, che tu non mancasti mai al tuo dovere....

— Partì lieto come a festa, volontario sotto il Generale,... ma non è più tornatot A prevenire il singhiozzo, che si sentiva salire, il gobbo stese come lampo la mano al bicchiere, ricolmo non so se per la sesta o settima volta (non si possono più contare), e lo tracannò d’un fiato: poi si passò la mano sulla fronte, come ad espellerne le ultime idee.

— Bravo, Tonio!

— È così che va fatto; coraggio!

— Un’ora di gioia ne vale cento di melanconia.

— Ancora questo, Tonio — su, ancora questo!

E Tonio stendeva la mano al bicchiere senza farsi pregare.

Ripigliò tuttavia serio:

— La Lina è morta, quindici mesi dopo il marito, e pochi di prima la sua creaturina, venuta al mondo spunta e tirata come una candela. Aveva sofferto tanto la povera madre!

Stavolta rimasi solo affatto.Visto che le lagrime non risuscitano i morti, e che ogni giorno bisogna mangiare, mi racconciai a rattacconare e a risolare scarpe, correndo