Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

lo spiazzo di gòmbaro. 19

Ma chi ci avrebbe detto che, pochi anni da poi, abbandonate le terre venete dagli austriaci, noi saremmo entrati in amicizia con loro e ci saremmo volti alla Germania, sdegnati delle continue spavalderie della Francia? — Mutabili ragioni della politica!

Dallo spiazzo di Gòmbaro, così detto questo basso sito, spingendo lo sguardo sull’alta soprastante ripa a sinistra, vedi una scena di vegetazione robusta e selvaggia; alberi fronzuti di verde cupo; cespi e cespugli; lunghe, moltiplici e intralciate rama; e l’aria scende fresca dalla corrente del fiume, che rompe con fragore sue acque negli alti fianchi della montagna. Non potendo costeggiare il Màllero e salire, conviene pigliare l’erta via a destra, che fa capo a quella comoda e carreggiabile, per cui vassi a Mossino. Qui la scena si dipinge più vaga e dolce, e si aspira una auretta irrequieta, acre e, per la copiosa quantità de’ vapori del fiume, quasi pesante. A destra, la vaga collina di Ponchiera, ridente per viti festose e pompa d’alberi fruttiferi; donde superiormente si sovraggiudica il forte di Sondrio, ormai inutile avanzo di vecchie ragioni militari; — e, a pie’ di questo, proprio alle falde della rupe, l’amena e piccola metropoli della Valtellina, che, sebbene ci tenga, non ha certo molti fasti per