Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24 ricordi delle alpi.


— Buon dì, mi disse, signore!

— Buon dì, bravo uomo; — e tosto ad alzarmi e a seguitarlo.

— La sente, proseguì, la buon’aria, che spira nella valle!

— Eccellente a metter l'appetito anco negli stomachi più dormigliosi.

— Loro signori ne hanno bisogno,.... ma noi....

— Per fortuna non ne ho di questi bisogni; ma voi avete ragione di tenervi caro la salute, e massime a’ vostri anni. Amico, quante pasque contate oggi?

— Settantacinque, sor mio; e n’ho già passate di grosse!

— Ognuno ha le sue croci, statene certo.

— Ma le più brutte toccano ai poveri; i ricchi son sempre al sicuro.

— Non sempre, buon uomo, non sempre!

— Sarà; ma intanto chi soffre sono i calzoni di traliccio.

— Ci vuol pace, e vi ripeto ch’ognuno ha le sue.

— Come la mia, però, nessuno la porta grossa la croce, ripetè commosso il buon vecchio: e davvero è pesante!

— E che vi è mai toccato di sì cruccioso, gli dissi amorevolmente stringendomegli più presso, che non ve ne possiate dimenticare?