Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
94 ricordi delle alpi.


Rendersi felici; amarsi scambievolmente: questo il Vangelo!

VII.

Sotto i castani.

In pochi passi fummo nel bosco dei castani, donde l'occhio si spazia sull’Adda maestoso, e si scorge giù in fondo Sondrio e i pochi paesi sorgenti a destra e a sinistra: la magnifica distesa di cielo, la freschezza dell'aere, la varietà della campagna solleva l’animo e lo trae ad immagini sorridenti e piene d*incanto.

Il suono della campana continua a invitare i fedeli ai vespro, e si ripercuote di monte in monte, di valle in valle: quante reminiscenze in questo suono! le preci dei primi anni infantili, le scuole, i canti dell’amor verginale alla chiesa natia, i mille sogni dell’adolescenza.

Fantasmi di paradiso!

«Il suono della campana è immenso, è sublime come il pensiero, solenne come la tomba, vago come il cuore. Quando più taccion d’intorno le voci degli uomini e più t’agita l’animo sul suo letto di spine, lo squillo d’una campana, che lento si avvolta