Pagina:Malombra.djvu/168

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



CAPITOLO II.


I Salvador.


El xe largo e longo, Ecelenza— disse alla contessa Fosca la sua fedele Catte, versandole il caffè in una tazza larghissima, mentre la contessa, alzando la testa dal cuscino e facendosi puntello de’ gomiti, considerava con occhi diffidenti il vassoio, la tazza, la sottocoppa, la zuccheriera, il bricco levato in aria e il filo arcuato del caffè cadente.

— Benedetta Venezia! — diss’ella.

— Eh, Eccellenza, benedetta Venezia!

La xe acqua, ciò — disse la contessa con una smorfia deponendo la tazza sul vassoio dopo avervi appena posate le labbra.

— Acqua schietta, Eccellenza. Ce l’ho detto io a quella vecchia. Questa è la secchia (Catte accennò alla tazza) e questo è il pozzo (Catte accennò il bricco). Oh che casa, Eccellenza! La vecchia ha fatto il muso per le lenzuola e io le ho cantato che Sua Eccellenza non può dormire se non è nelle sue lenzuola.

— Questo ci hai detto?

— Sì, Eccellenza.

— Hai fatto bene, sa. Le ho tolte per l’albergo, ma già che vi sono... Vestimi, che presto sarà ora di Messa.