Pagina:Malombra.djvu/255

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
— 251 —
 


Il putto rideva a crepapelle.

— Il conte Nepo lo hai visto?

— No, Eccellenza.

— Bene, adesso verrà qua questo birichino a farti lume e dopo andrete insieme incontro al conte Nepo, e gli direte che la marchesina è arrivata.

— Servirla, Eccellenza. Il Rico risalì la scalinata col lanternino e la contessa entrò in casa senza badare se Edith ve l’avesse preceduta o no.

Edith era immobile al posto e nell’atto in cui l’avevano colta le parole della contessa Fosca. N’era rimasta sbalordita. Ripensando gli strani discorsi, lo strano contegno della sua compagna di passeggio, comprendeva questo solo: che i Salvador facevano compassione e che Marina faceva paura. Finalmente alla voce di Nepo che tempestava per la scalinata con Momolo e il Rico, si scosse, entrò in casa pensando un altro pensiero, il pensiero del Ferrieri. Il Ferrieri non era poi stato tanto temerario quanto Marina avrebbe potuto credere. Lo aveva tocco la bellezza quieta e intelligente di Edith, il suo contegno così diverso da quello delle ragazze troppo timide o troppo ardite ch’egli conosceva. Sognava aver trovato una donna simile all’alta idea che portava in mente al di sopra degli opifici, delle macchine, delle ferrovie, de’ suoi scolari, de’ suoi maestri, della sua fredda scienza. Stimava che quell’incontro, a quarantadue anni, fosse l’ultima offerta della fortuna, e tutta la sua giovinezza inaridita rinverdiva. Aveva presso a che deliberato di parlare a Steinegge prima che a Edith. Nel buio dell’Orrido, stando presso a lei, smarrì il suo sangue freddo, le prese le mani con forza, le parlò e non potè, pel gran fragore, essere inteso. Comprese, prima dalla violenta ripulsa, poi dal volto di lei, quanto l’avesse offesa; comprese troppo tardi come in quel luogo una violenta dichiarazione d’amore potesse venir male interpretata. Infatti Edith