Pagina:Malombra.djvu/280

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
— 276 —
 


— Per capirvi quando parlate italiano.

Steinegge rimase un pochino mortificato.

— No, no, è uno scherzo — disse Silla prendendogli affettuosamente le braccia. Lo studio per capire Goethe, e un certo... scrittore nostro italiano; ma più Goethe, forse. Non ve l’ho già detto?

— È vero, ma io temevo adesso un’altra cosa. Sapete, mia figlia è ricca e guadagna denari con le sue lezioni. Il conte mi manda sempre roba tedesca da tradurre in francese e manda anche cento lire per mese. Cento lire, eh? Voi vedete, io sono ricco.

— E io dunque?

— Scusatemi — disse Steinegge inchinandosi — io credo bene, io credo bene; anche voi, certo.

Non abbagliava però, in casa Steinegge, lo splendore della ricchezza. Quella lì era una stanza bassa d’angolo, sotto il tetto. Aveva due balconi a ringhiera di ferro, uno a mezzogiorno e l’altro a levante, le pareti tappezzate di carta azzurra a righe più scure, il soffitto dipinto a cielo sereno e nuvoli. Un letto di ferro pure inverniciato, coi suoi pomi lucenti d’ottone alle spalliere, coperto di percallo perlato a fiori rossi, stava accostato alla parete di ponente sotto un quadrettino piccino dove una ciocca di capelli biondi si disegnava sul raso bianco incorniciato d’ebano. Tra l’uscio della scala e l’altro che metteva nella camera di Edith, un caminetto di pietra grigia portava con civetteria due lucernine a petrolio a’ due capi e nel mezzo un bicchiere modesto, un mazzolino di viole mammole ignude. In faccia al caminetto, sopra la mole tozza di un massiccio cassettone a piano di marmo cenerognolo, odoravano pochi calicanthus, simili a delicate fantasie meste di un poeta convalescente. Tra il balcone di levante e la porta della camera di Edith, si rizzava una stretta palchettiera a tre piani, zeppa di libri e sormontata dal busto, piccino, di Federico Schiller. In mezzo alla stanza la bianca tavola di abete strillava per avere il suo