Pagina:Malombra.djvu/291

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
— 287 —
 


— Me ne rallegro assai — disse Silla tranquillamente.

Steinegge fece uscire anche le riserve.

— Il matrimonio — diss’egli — si fa, pare, questa sera; ventinove aprile. Pare che il popolo vuol fare grandi cose: musiche, fuochi d’artificio. Ci è stata la scritta. Si dice che il conte Cesare voleva costituire a donna Marina una dote di trecentoventimila lire, ma che essa ha preferito un’obbligazione diretta del conte allo sposo per questa somma, da sottoscriversi all’atto del matrimonio. Il conte Cesare non è stato bene due giorni, ma ora è guarito. Il conte Nepo si è fermato al Palazzo una settimana, in principio di questo mese, e i domestici vanno dicendo che è molto avaro, ma il parroco afferma che non è vero e racconta di aver ricevuto cento lire per i poveri.

Steinegge scherzò su questo splendore di munificenza che aveva abbagliato il povero prete; ma Silla lo contraddisse risolutamente, sostenne che alle buone azioni non si piglia la misura e che non si arrovesciano per guardarne la fodera. Parlava vivacissimo, di vena, interrompendosi spesso per salutare i suoi conoscenti, per fare a Edith osservazioni gaie su persone e cose che gli passavano sotto gli occhi. Tutti coloro che lo salutavano, guardavano poi Edith curiosamente. Edith gli rispondeva breve, senza guardarlo, o solo quando non ne poteva a meno. Ella non sorrideva più, si era fatta grave. Prese il braccio di suo padre.

Si ammutolì poco a poco esso pure. Sospettò che Edith avesse attribuito un significato preciso alla sua dichiarata indifferenza per il matrimonio della marchesina di Malombra, e che volesse tenersi in guardia. Il cuore gli battè forte, una oscura dolcezza gli confuse i pensieri. Qualcuno, dall’onda della gente, lo salutò in quel momento; non rispose. Camminava in mezzo alla folla come se nè vedesse nè udisse alcuno.

Erano giunti presso al bastione. Vi spirava un’aria men tepida, pregna dell’odor de’ prati; ma la folla sa-