Pagina:Malombra.djvu/422

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 418 —

— e raccontò la lunga scena, poi quanto gli aveva riferito il Rico.

Steinegge fremeva, sbuffava; non lasciò quasi che don Innocenzo finisse e corse via con un gesto risoluto che voleva dire:— vado io — . Entrò nel Palazzo mentre ne usciva il giardiniere, che pareva aver gran fretta e non lo riconobbe.

Salendo le scale incontrò Fanny che scendeva con Catte singhiozzando, ripetendo:

— Voglio andar via, voglio andar via!

— Andrete, andrete — rispondeva Catte — ma pazienza, benedetta. Volete lasciar la vostra padrona in quello stato?

— So di niente, io, voglio andar via!

— Madre santa, che vita! — disse Catte a Steinegge, che stringendosi alla ringhiera per lasciar passare, le guardava attonito. Egli stava per domandar loro qualche cosa, quando la contessa Fosca gridò dall’alto:

— Ohe, questo Momolo!

— Subito, Eccellenza! — rispose Catte, e scese in fretta, trascinando giù Fanny. Steinegge continuò, pure in fretta, a salire.

— Momolo — disse la contessa, scambiando Steinegge pel suo servitore — avrà inteso bene, eh, quell’altro? Un legno e un biroccino alle sei. Ah, siete voi? Scusate, caro voi.

— Parte, la signora contessa?

— Sì, sì, e maledetta quella volta che son venuta!

Nepo chiamò sua madre all’uscio del salotto. Si vide dietro a lui l’avvocato Mirovich seduto al tavolo con una lucerna, un calamaio e due gran fogli davanti a sè. La contessa entrò in salotto e l’uscio ne fu richiuso sul viso a Steinegge. Questi trovò nella loggia il Vezza appoggiato alla balaustrata verso il lago; gli si avvicinò col cappello in mano per parlargli; ma colui, guardandolo appena, e accennatogli di tacere, volse il capo dall’altra parte, ascoltando.